ParMap: progettiamo insieme la città

 

Cos’è ParMap?

ParMap nasce dall’idea di restituire alla nostra città spazi di partecipazione e di confronto pubblico sui temi importanti che riguardano la nostra vita quotidiana e il nostro futuro a Parma. Una prima serie di 5 incontri nei quartieri apre la discussione su temi quali sicurezza, ambiente, vivibilità, intercultura, giovani, spazi pubblici, attraverso l’organizzazione di tavoli tematici, in cui ogni cittadino può portare il suo punto di vista e la sua proposta. L’obiettivo è quello di aggregare conoscenze ed esperienze  e tradurle in progetti comuni da cui ripartire per costruire insieme una visione di sistema e di futuro. Quali sono le iniziative e le esperienze positive nei quartieri e nella città che vogliamo rendere visibili e valorizzare? Quali progetti, competenze e idee ciascuno di noi può portare per rendere più vivibile e più sicura la nostra città? Quali sono i problemi che percepiamo nel nostro quotidiano e come la nostra comunità potrebbe aiutare a risolverli? Conosciamo esperienze di altre realtà che vorremmo riprodurre a Parma?

A chi si rivolge ParMap

ParMap è un’iniziativa promossa dall’Unione Comunale del PD di Parma, selezionata tra i luoghi idea(li) di Fabrizio Barca, ma non è necessario essere iscritti per partecipare. Cittadini, associazioni e corpi intermedi sono portatori di competenze e progettualità. L’obiettivo di ParMap è quello di aggregare idee, punti di vista e proposte per condurli verso obiettivi condivisi. Invitiamo esperti sui temi e gli esperti dei quartieri, cioè i loro residenti.

Perché ParMap?

Perché Parma merita un buon governo, una comunità attiva che interagisce con istituzioni pubbliche efficienti, ma da troppi anni si è smarrita la direzione. Pur contando su un patrimonio di esperienze e poli di eccellenza in diversi ambiti, si sta diffondendo da alcuni anni un clima di incertezza, di rassegnazione e di sfiducia nelle istituzioni che si traduce in assenza di speranza e progettualità per il futuro. Recente è la stampa che sottolinea il “declino” della città, per l’ingente debito lasciato dall’amministrazione di centro-destra, il probabile fallimento dell’aeroporto e della nostra squadra di calcio, i problemi di gestione del Teatro Regio, il declassamento della Palatina. Gravi e notori sono stati i comportamenti che hanno abusato dei pubblici poteri e delle funzioni imprenditoriali, fiaccando le migliori energie della nostra città. Negli ultimi mesi i residenti di alcuni quartieri denunciano una situazione di non governo e percezione di insicurezza. Il governo del Movimento 5 Stelle non si è purtroppo tradotto in efficienza e trasparenza dell’amministrazione pubblica, né ha saputo creare spazi per garantire decisioni informate e partecipate dai cittadini. L’improvvisazione e l’incapacità di esprimere una chiara linea di indirizzo politico sta mettendo a serio rischio servizi essenziali ai cittadini, aumentando il clima di incertezza.

Cosa c’è di nuovo?

Di nuovo c’è la volontà e il desiderio di tornare a ‘fare politica’ con e per i cittadini, decostruendo l’idea ormai diffusa che la politica è dannosa e chi fa politica lo fa per interesse personale. Chiediamo la collaborazione dei cittadini e delle associazioni per restituire alla politica il suo senso e significato, quello della mediazione dei conflitti e della costruzione del bene pubblico. Siamo in controtendenza: crediamo che i partiti e la politica servano e debbano tornare ad essere strumento nelle mani dei cittadini e della comunità. Non bastano le idee, la creatività e gli strumenti innovativi: questi orientano il pensiero e stimolano l’immaginazione e la costruzione di nuovi ipotesi di azione. Tuttavia per dare frutti, le idee richiedono uno spazio politico in cui i cittadini possano trovare la motivazione, la continuità e l’efficacia per impegnarsi. Senza aggregazione e regia la motivazione e l’impegno rischiano di disperdersi in singole iniziative ed eventi che non fanno sistema e non creano comunità. È purtroppo responsabilità delle forze politiche e dello stesso partito di cui facciamo parte l’aver deviato il dibattito pubblico in dinamiche di corrente senza politica e contenuti, allontanandosi dai problemi reali dei cittadini, invece di rappresentarli e assumersi la responsabilità delle risposte. Per garantire l’innovazione della macchina pubblica e il rilancio della comunità è necessario rinnovare il ‘modello emiliano’, restituendo spazio ai cittadini, capaci di esprimere dubbi, problemi, competenze e soluzioni e contrastare la resistenza di élite contrarie al cambiamento. Crediamo che il partito sia il luogo che può tornare a costruire una visione del futuro.

Ora tocca a te!

Partecipa agli incontri, entra nella nostra squadra e segui gli eventi su Twitter attraverso l’hashtag #ParMap per costruire insieme la nostra città

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *